Chiesa Santo Stefano

La chiesa di Santo Stefano

La chiesa di Santo Stefano è situata ai piedi del Monte Orfano. In origine era una diaconia per il soccorso dei viandanti. Fu eretta nel 700 d.c. quando i Longobardi erano ancora in Italia. Mentre San Michele era la chiesa dei Longobardi, Santo Stefano era invece la chiesa della popolazione rovatese. Era molto piccola, con una sola navata, identificabile oggi con la navata centrale. Santo Stefano sarà poi ampliata e modificata con l'aumento del numero dei fedeli, per tale ragione troviamo un complesso ibrido nelle strutture architettoniche, dal paleocristiano al romanico, con influssi di gotico nella struttura, che nella forma…

Score

Bellezza
Cura
Importanza

Voto Utenti : 3.7 ( 1 voti)

La chiesa di Santo Stefano è situata ai piedi del Monte Orfano. In origine era una diaconia per il soccorso dei viandanti. Fu eretta nel 700 d.c. quando i Longobardi erano ancora in Italia. Mentre San Michele era la chiesa dei Longobardi, Santo Stefano era invece la chiesa della popolazione rovatese. Era molto piccola, con una sola navata, identificabile oggi con la navata centrale. Santo Stefano sarà poi ampliata e modificata con l’aumento del numero dei fedeli, per tale ragione troviamo un complesso ibrido nelle strutture architettoniche, dal paleocristiano al romanico, con influssi di gotico nella struttura, che nella forma attuale presenta tre navate.
L’ultimo intervento di ristrutturazione della chiesa risale al 1982, anche se dopo i lavori di ristrutturazione intrapresi negli anni ’40 per iniziativa di Monsignor Zenucchini, la facciata disadorna e bianca riapparve nella sua sobria ma distinta eleganza, con il bel rosone, gli archi e gli ornamenti. All’interno furono restaurati i numerosi affreschi. Da segnalare tra questi ultimi “la Madonna con il Bambino Gesù” e il “Cristo Pantocratore”.
Sull’altare, entro un trono marmoreo di stile neogotico, è racchiusa l’immagine della “Madonna con il Bambino Gesù”, ritto in piedi sulle ginocchia della Madre. La figura dipinta secondo i canoni grotteschi, è vestita con una tunica verde, il manto rosso, il velo bianco ricadente dal capo e con in mano una rosa. Siede in posizione frontale su di un ricco trono di stile gotico fiorito. Questo affresco è diventato il simbolo della devozione mariana della Chiesa di Santo Stefano.
Sul catino della cappella principale è raffigurato un Cristo Pantocratore seduto sull’arcobaleno, secondo l’iconografia bizantina, tra i simboli dei quattro evangelisti. A destra del catino è inserito un monte che richiama le forme del Monte Orfano, con la chiesa dell’Annunziata a mezza costa e San Michele in alto. Per le forme delle vesti del Cristo, per l’articolarsi delle pieghe e il senso dello spazio, l’affresco è databile intorno alla fine del 1400.

Rovato.it

1 Commento

  1. La chiesa più bella di Rovato è senza dubbio questa, seguita dal convento….

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Rovato Calcio

A Ome Rovato centra l’impresa: è vittoria in dieci contro undici

Nel girone D di Promozione Rovato continua la sua marcia in classifica battendo i cugini ...

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi personalizzati. PER SAPERNE DI PIU', E LEGGERE LA NOSTRA PRIVACY E COOKIE POLICY CLICCA QUI. Non proseguire nella navigazione se non hai letto la Privacy e Cookie policy e se non accetti le condizioni indicate. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi