IL COMMERCIALISTA: Collaborazione o partita Iva?

Collaborazione occasionale o Partita Iva? La collaborazione occasionale è sempre più diffusa in questo periodo di scarsità di lavoro o lavoro ad intervalli. Molti di voi la conosceranno come “ritenuta d’acconto” La può utilizzare il soggetto che svolge un’attività per un periodo di tempo limitato, importante è quindi il carattere di “occasionalità” ovvero non deve esserci rapporto di lavoro subordinato e duraturo. Un secondo limite per la “ritenuta” e il valore del compenso che non può essere superiore ai 5.000,00 euro lordi all’anno. Se una delle due condizioni vengono a mancare non c’è altra soluzione che il passaggio alla Partita Iva. Dal punto di vista pratico invece, al momento del pagamento della prestazione, il collaboratore deve produrre una ricevuta per il committente contente: data e numero della ricevuta, dati del collaboratore e del committente, descrizione dell’attività svolta, importo lordo, ritenuta del 20% ed importo netto.

MARIANNA ARCHETTI – COMMERCIALISTA A ROVATO

Rovato.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Sicurezza, sempre più diffuse le telecamere Ip

Gli ultimi dati bresciani – diffusi in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario da BsNews – indicano ...

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi personalizzati. PER SAPERNE DI PIU', E LEGGERE LA NOSTRA PRIVACY E COOKIE POLICY CLICCA QUI. Non proseguire nella navigazione se non hai letto la Privacy e Cookie policy e se non accetti le condizioni indicate. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi