a pregnant woman and her son

Partorisce dopo la rapina sul treno a Rovato: la bimba sta bene

Ha partorito per le contrazioni indotte dalla fortissima emozione la donna al nono mese di gravidanza rapinata su un treno della linea Milano-Venezia da due malviventi che poi hanno cercato di far perdere le proprie tracce a Rovato. L’episodio risale al pomeriggio di sabato, intorno alle 16: due uomini hanno preso di mira la giovane per rubarle il cellulare con cui stava telefonando, la 28enne di origini nigeriane (residente a Romano) ha cercato di ribellarsi ma i malviventi – incuranti del suo stato – hanno iniziato ad aggredirla a calci e pugni. La donna, quindi, ha chiesto aiuto e il controllore ha chiamato le forze dell’ordine, mentre i due cercavano di darsi alla fuga nei dintorni della stazione di Rovato. I carabinieri li hanno presi dopo poche ore: si tratta di due 23enni di nazionalità albanese. Il primo è stato preso mentre da via Cesare Battisti si dirigeva verso il centro, il secondo domenica, dopo un’intensa attività investigativa. La vittima è stata trasportata al pronto soccorso di Chiari in stato di choc. La bimba è nata poco dopo. Si chiama Naomi e sta bene.

Rovato.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Mare

Il mare d’inverno: ecco dove andare

Rovato baciata dalla fortuna con la Lotteria Italia 2019. Un premio di consolazione, sì ma ...

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi personalizzati. PER SAPERNE DI PIU', E LEGGERE LA NOSTRA PRIVACY E COOKIE POLICY CLICCA QUI. Non proseguire nella navigazione se non hai letto la Privacy e Cookie policy e se non accetti le condizioni indicate. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi