Chiesa Santo Stefano

Santo Stefano ha un nuovo tetto grazie alla famiglia Streparava

Grazie alla donazione di 45mila euro della famiglia Streparava, o meglio del fondo intestato a Gino e Adele Streparava, la parrocchia di Rovato ha finanziato e portato a termine il progetto di rifacimento del tetto della chiesa di Santo Stefano (un progetto curato dall’architetto Stefano Belotti) mettendo così in salvo i preziosi affreschi del Quattrocento e del Cinquecento.

“La famiglia Streparava – hanno scritto Pierluigi, Rosella, Paolo, Marco, Enrico e Roberto Streparava – ha deciso di contribuire ai lavori di restauro e consolidamento della chiesa in ricordo della mamma e nonna Adele Pina Streparava. Aveva una particolare devozione per la Madonna di Santo Stefano e in ogni occasione, esami, malattie o altro era lei che si portava ad accendere una candela alla Madonna. I primi gladioli che fiorivano nel suo giardino erano per la Madonna. È in ricordo di tutto questo che noi figli e nipoti abbiamo deciso di contribuire alla messa in sicurezza della chiesa”.

I lavori sono stati effettuati tra luglio e agosto. Ora il prossimo passo è quello di sistemare gli interni, eliminando le barriere architettoniche per consentire a tutti di accedere alla chiesa.

Rovato.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Pneumatici, foto generica

Auto, anche in Lombardia è tempo di gomme invernali

Con il sopraggiungere della stagione invernale, che soprattutto nelle regioni settentrionali porta in dote neve ...

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi personalizzati. PER SAPERNE DI PIU', E LEGGERE LA NOSTRA PRIVACY E COOKIE POLICY CLICCA QUI. Non proseguire nella navigazione se non hai letto la Privacy e Cookie policy e se non accetti le condizioni indicate. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi