L’imprenditore brescianini ucciso da una puntura d’insetto

Una banalissima puntura d’insetto. Potrebbe essere stata questa la causa della morte improvvisa di Paolo Brescianini, imprenditore rovatese di 53 anni deceduto a Milano, dove si trovava giovedì per l’inaugurazione di Scalo (il maxioutlet finanziato dalla famiglia Lonati). L’esame autoptico, infatti, ha indicato nella puntura di un insetto la causa più probabile dello shock anafilattico che lo ha portato alla morte nell’arco di pochi istanti.

Paolo Brescianini era molto noto a Rovato. Per anni era stato venditore della concessionaria Agricar, di cui aveva anche aperto una filiale a Rovato. Di recente aveva avviato alcuni progetti legati al mondo dell’arte, una delle sue grandi passioni insieme alle auto d’epoca (quest’anno aveva anche partecipato alla Mille Miglia a bordo di una Fiat Balilla Coppa d’oro bordeaux del 1933.

Rovato.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

CORONAVIRUS, a Rovato 372 casi di contagio (+6) e 44 decessi

Sale a 372 il conto dei contagiati da Coronavirus a Rovato a partire dallo scorso ...

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi personalizzati. <a href="http://www.rovato.it/index.php/privacy-e-cookie-policy/">PER SAPERNE DI PIU', E LEGGERE LA NOSTRA PRIVACY E COOKIE POLICY CLICCA QUI</a>. Non proseguire nella navigazione se non hai letto la Privacy e Cookie policy e se non accetti le condizioni indicate. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi